Nutrirsi in modo sano: centrifuga ed estrattore di succo

Pubblicato: 27/08/2018 10:52:26
Categorie: News

Smeg SJF01RDEU Estrattore di succo 150W Rosso spremiagrumiDa qualche mese frequento un gruppetto di amici che sono dei veri salutisti. Sopratttutto per quanto riguarda l'alimentazione.

Ed è grazie a loro che ho sostanzialmente abbandonato parte del cibo spazzatura che spesso mi ritrovavo a mangiare, in particolar modo a causa di tempi molto ristretti.

Grazie a loro, ad esempio, ho scoperto il gusto di centrifughe ed estratti di succo dalla frutta. Tanto che ho acquistato un estrattore di succo.

La differenza sostanziale tra i due piccoli elettrodomestici sta nel modo in cui estraggono il succo e separano la buccia.

L'estrattore ha una coclea ossia una vite senza fine che "mastica" il cibo (gli estrattori si chiamano anche "masticatori") riducendo al massimo lo scarto. La coclea fa pochi giri al minuto per cui non riscalda e non fa perdere valori nutrizionali al succo. Il costo è un po' più alto rispetto ad una centrifuga.

La centrifuga, al contrario, costa meno di un estrattore. Non ha una coclea ma una lama che per eseguire il "lavoro" deve necessariamente girare molto velocemente producendo calore.

Il succo ottenuto da entrambi, comunque, dovrebbe essere bevuto nell'arco di 60 minuti per non perdere il gusto.

Estratto o centrifugato, ad ogni modo, è un altro modo di nutrirsi in modo sano. Per merenda o durante un pausa  - se possibile  - è consigliabile bere una centrifuga o un estratto.

Diverso il succo di frutta o la spremuta.

Da ricordare che frutti a basso contenuto di acqua come la banana e i fichi, non devono essere né centrifugati né estratti. Questi andrebbero frullati.

La differenza, in pratica, sta tutta nei soldi che si possono spendere: un buon estrattore di succo costa anche 500  euro. Una buona centrifuga costa intorno ai 100 euro.

Su dochoue trovate un vasto assortimento di entrambi gli elettrodomestici.

Condividi contenuto

#page